Dolci, dorate e friabili: tutti pazzi per le chiacchiere di Carnevale

Dolci, dorate e friabili: tutti pazzi per le chiacchiere di Carnevale

dolci-dorate-e-friabili-tutti-pazzi-per-le-chiacchiere-di-carnevale

Il Carnevale non è ancora esploso, ma le chiacchiere, tipico dolce della festa più colorata dell’anno, si sono già prepotentemente appropriate della scena. Dolci, friabili, irresistibilmente croccanti e dorate sono da settimane in bella mostra nei bar e nella pasticcerie.

Quest’anno il Carnevale prenderà il via il 20 febbraio, con il giovedì grasso, e culminerà il 25, in occasione del martedì grasso, l’ultimo martedì prima del mercoledì delle Ceneri, giorno che inaugura la Quaresima, periodo di circa quaranta giorni che precede la celebrazione della Pasqua.

Un lungo periodo di festeggiamenti celebrato anche all’insegna della buona tavola. Le chiacchiere sono il dolce carnevalesco per eccellenza, prodotto in tutt’Italia, in numerose e gustosissime varianti che intrecciano tradizioni, sapori e storia delle nostre province, cambiando anche il nome.

Le chiacchiere sono diffuse e conosciute in Basilicata, Campania, Puglia e Calabria. Nel Lazio e nelle Marche le chiamano frappe. In molte zone della Lombardia si usa sia il nome chiacchiere che lattughe.

In Veneto si chiamano sossole, galani o crostoli, mentre in Trentino grostoi. In Liguria e Piemonte si chiamano bugie. I cenci, detti anche crogetti, sono tipici della Toscana generalmente preparati con il Vin Santo. Le sfrappole tipiche di Bologna sono invece a forma di fiocco e vengono spesso servite con una crema nel quale intingerle. In Sardegna sono note come le meraviglie, mentre in Sicilia si chiamano i testi dei turchi.

Tanti nomi dunque, ma il sapore resta unico e inconfondibile. Merito della loro consistenza friabile, del colore dorato, della forma rettangolare o a fiocco e la caratteristica spolverata di zucchero a velo.

Le chiacchiere di carnevale napoletane hanno un’origine antichissima. Basti pensare che già i romani avevano l’usanza di mangiare dolcetti fritti durante i saturnali, festività corrispondenti al nostro carnevale.